Italiano Italiano English English Français Français Español Español Pусский Pусский

Hotel Ristorante Villa Icidia

info@villaicidia.it - www.villaicidia.it
MENU

Il Menu di Natale 2018 a Villa Icidia

Il Menu di Natale 2018 a Villa Icidia Castelli Romani
Valuta questo articolo

Il Menu di Natale 2018 al Ristorante Villa Icidia è un'occasione, oltre che per festeggiare, per degustare pietanze degne di una delle ricorrenze più attese dell'anno. Approfittiamo del tempo che ci separa dai festeggiamenti per ripercorrere un po' di storia, e qualche curiosità, legate ad alcuni dei piatti che troverete nell nostro menù il prossimo 25 dicembre 2018.

 

Le Crepes...

Le crespelle vengono farcite di ripieni vari, dolci o salati e arrotolate o impacchettate su se stesse per racchiuderli. L'impasto è a base di latte, uova, farina e burro. La crespella è generalmente considerata una pietanza tipica della cucina francese, tuttavia sono presenti preparazioni simili in vari paesi d'Europa.
Suo "parente prossimo" è il pancake e fanno parte della stessa famiglia anche le gaufre, più comunemente note con il nome di waffle.

Il nome crepe proviene dal termine latino crispus (arricciato, ondulato), o dal termine greco krìspos ("avvolto"', "arrotolato"). Le crespelle condividono le origini di altre preparazioni a cialda, ma l'attuale preparazione con la farina di frumento divenne comune solo nel IX secolo. Nel Medioevo erano preparate con acqua e vino al posto del latte

In Francia sono un simbolo tradizionale di amicizia e alleanza e i mezzadri le offrivano ai loro padroni. Servite tradizionalmente in occasione della Candelora il 2 febbraio, si usava esprimere un desiderio quando si voltava la crêpe nella padella. Vengono consumate soprattutto alla Candelora poiché nel V secolo dei pellegrini francesi furono accolti, proprio alla Candelora, da papa Gelasio I. Solo dopo essere ritornati in patria, i pellegrini diffusero la pietanza.

 

Le Fettuccine...

Le tagliatelle o fettuccine sono una pasta all'uovo tipica del centro e nord Italia. Il loro nome deriva dal verbo "tagliare" o "affettare", dato che si ottengono stendendo la pasta in sfoglia sottile e tagliandola, dopo averla arrotolata.
Secondo una leggenda bolognese le tagliatelle sarebbero state inventate nel 1487 dal bolognese mastro Zefirano, cuoco personale di Giovanni II Bentivoglio, in occasione del matrimonio di suo figlio Annibale II Bentivoglio con Lucrezia, figlia naturale di Ercole I d'Este, duca di Ferrara. In realtà è soltanto una storiella inventata dall'illustratore e umorista bolognese Augusto Majani nel 1931.

 

L'Agnello arrosto...

L'agnello arrosto è un secondo piatto tipico della gastronomia dei pastori di tutto il mondo, quindi in Italia lo troviamo nelle regioni lungo tutto l'arco appenninico, nella cucina ligure, toscana, emiliana, abruzzese, marchigiana, umbra laziale e in quella isolana: Sardegna e Sicilia. Si tratta di un taglio d'agnello, solitamente la coscia, ma anche la spalla, il petto arrotolato, o il carré infarcito con spezie varie e cotto in forno o alla brace.
Gli aromi di base all'italiana sono i classici aglio, alloro, rosmarino e salvia. Vengono usati anche altri aromi come il ginepro, il pepe verde o altre spezie di tipo orientale: origano, menta, peperoncino, cannella, cumino e coriandolo.

 

Il Nostro Menu completo per di Natale 2018

 

Aperitivo Bellini con Bocconcini Millegusti

***

Antipasto Castellano dello Chef con Ricottina e Bufala

***

Crepes ai Quattro Formaggi e Tartufo

Fettuccine ai Funghi Porcini, Pomodorini e Pancetta Croccante

***

Agnello al Forno con Patate

Al centro tavola Terrina di Coratella con Crostini

***

Dolci Natalizi della casa

Vino Cannellino

Caffè

***

Acqua Minerale

Vino Ns Selezione

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi