Italiano Italiano English English Français Français Español Español Pусский Pусский

Hotel Ristorante Villa Icidia

info@villaicidia.it - www.villaicidia.it
MENU

Menu della Vigilia di Natale 2018 a Frascati Villa Icidia

Menu della Vigilia di Natale 2018 a Frascati Villa Icidia Castelli Romani
Valuta questo articolo

La vigilia di Natale al Ristorante Villa Icidia è un'occasione, oltre che per festeggiare, per degustare una cena degna di una delle ricorrenze più attese dell'anno. Approfittiamo del tempo che ci separa dai festeggiamenti per ripercorrere un po' di storia, e qualche curiosità, legate ad alcune delle pietanze che troverete nell nostro menù il prossimo 24 dicembre 2018.

 

Per iniziare...

Aperitivo Bellini con bocconcini mille gusti.

Il Bellini è un cocktail ufficiale IBA appartenente alla categoria degli sparkling, che significa 'frizzante', a base di vino bianco frizzante, usualmente del prosecco o dello spumante brut, e polpa fresca schiacciata di pesca bianca. È internazionalmente uno dei più noti cocktail italiani. Si ottiene un Bellini unendo 10 cl di prosecco e 5 cl di polpa di pesca
La ricetta originale vuole l'utilizzo di polpa e succo di pesca bianca veronese, schiacciata e non frullata, mescolata lentamente al prosecco per non provocarne una perdita eccessiva di gas, il tutto servito in un flûte.
Il Bellini è stato inventato nel 1948 da Giuseppe Cipriani, capo barista dell'Harry's Bar di Venezia che intitolò il cocktail al pittore veneziano per via del suo colore rosato che ricordò a Cipriani il colore della toga di un santo in un dipinto di Giovanni Bellini (il Giambellino). Il drink divenne una specialità stagionale dell'Harry's Bar di Venezia, uno dei locali preferiti da Ernest Hemingway, Gianni Agnelli, Sinclair Lewis e Orson Welles. In seguito divenne molto popolare anche nella sede dell'Harry's Bar di New York. Dopo che un imprenditore francese instaurò una rotta commerciale per trasportare polpa di pesche bianche fra le due località, il cocktail divenne un classico oggi diffuso nei bar di tutto il mondo.

 

Dal Bellini al Carpaccio di Spada...

Il successo del Bellini indusse Cipriani a ulteriori contaminazioni tra pittura italiana ed enogastronomia con l'invenzione, nel 1950, del Carpaccio, pietanza consistente in fettine sottilissime di controfiletto di manzo crudo disposte su un piatto e decorate alla Kandinsky con una salsa che viene chiamata universale, così chiamato poiché a Cipriani il colore della carne cruda ricordava i colori intensi dei quadri del pittore Vittore Carpaccio, delle cui opere si teneva in quel periodo una mostra nel Palazzo Ducale di Venezia.

Col tempo il termine carpaccio si amplia, indicando un piatto a base di fettine sia di carne che di pesce, entrambi crudi, a cui vengono aggiunti olio o altri ingredienti (salse o scaglie di formaggio grana) a seconda della versione.
Le fette di carne possono essere sostituite da sottili fette di filetto di pesce crudo, di solito pesce spada, baccalà, Tonno rosso o salmone, conditi con solo olio, sale e pepe, o anche con una marinatura.
Il termine "carpaccio" viene utilizzato anche per indicare ricette a base di pietanze cotte. È il caso ad esempio del carpaccio di polpo, la cui ricetta prevede la cottura del polpo prima del procedimento di preparazione del carpaccio.


Il Coktail di Gamberi


Non sono in molti a saper che i cocktail di pesce sono nati nel XIX secolo negli Stati Uniti; di solito a base di ostriche o gamberetti, ma anche con frutti di mare e salse speziate, erano una parte consolidata del repertorio culinario del XX secolo. Mentre la salsa cocktail è più associata al cocktail di gamberi, può invero essere servita con qualsiasi mollusco.


Non possono mancare i Tagliolini...

I tagliolini (o taglierini) sono una varietà di pasta all'uovo tipica della cucina italiana inserita nell'elenco dei prodotti agroalimentari tradizionali delle regioni Molise e Piemonte (dove sono meglio conosciuti col nome piemontese di tajarin).
La larghezza del taglio (circa 4–5 mm) li pone tra i più sottili capellini e le più larghe tagliatelle. Hanno sezione piatta ed una lunghezza simile agli spaghetti; lo spessore deve essere inferiore al millimetro. È una pasta di veloce cottura, soprattutto se usata fresca, e si sposa bene con sughi leggeri, con pesce, condimenti delicati o in bianco o addirittura in brodo.


E i Gamberoni al Cognac...

Il Cognac è un distillato di origine francese: si distingue per la sua particolare eleganza e delicatezza sia nel sapore che nel profumo. I sentori di vaniglia, legno e miele dipendono dal grado di tostatura delle botti in cui è stato lasciato invecchiare: maggiore sarà la tostatura e più accentuata sarà la dolcezza nella degustazione accompagnata da un intenso profumo di cuoio e di tabacco. Il cognac trova ottimi abbinamenti soprattutto nel mondo della pasticceria per le preparazioni a base di cacao amaro e in ricette più delicate e speziate come, per esempio, dolci di mele con cannella, miele o chiodi di garofano che troveranno un ottimo accompagnamento con la raffinata persistenza del cognac. Ma non finisce qui. L’impiego di questo superalcolico è ideale anche per ricette a base di selvaggina cotta o marinata con l’aggiunta di un bicchiere di questo prezioso liquore. In Francia, infatti, si preparano ottime scaloppine e stufati di gamberi cucinati sfumando con un goccio di cognac che aiuta a pulire la bocca dai grassi e dai sapori troppo intensi.

 

Il Nostro Menu completo per la Vigilia di Natale 2018

 

Aperitivo Bellini con Bocconcini Millegusti

***

Carpaccio di Spada

Cocktail di Gamberi e Involtini di Salmone Fumé

***

Tagliolini Orata e Tartufo

Gnocchetti al Profumo di Mare

***

Filetto di Cernia con pomodorini

Gamberoni al Cognac con Olive Taggiasche

***

Dolci Natalizi della casa

Vino Cannellino

Caffè

***

Acqua Minerale

Vino Ns Selezione

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi