Italiano Italiano English English Français Français Español Español Pусский Pусский

Hotel Ristorante Villa Icidia

info@villaicidia.it - www.villaicidia.it
MENU

Maggio, tempo di fave e pecorino!

Maggio, tempo di fave e pecorino! Castelli Romani
Valuta questo articolo

Maggio a Roma e ai Castelli Romani è sinonimo di fave con il pecorino; un abbinamento tanto tradizionale, quanto squisito, che impreziosisce i pranzi di primavera, annunciando l'imminente inizio della stagione estiva. Tutti noi, almeno una volta nella vita, abbiamo assaggiato le fave con il pecorino, ma forse non tutti conoscono l'incredibile quantità di effetti benefici contenuti nelle fave!

Le fave sono piuttosto sorprendenti data la quantità di nutrimento che contengono. Oltre ad essere una scelta di proteine magre con un sacco di fibre, le fave contengono vitamina K, vitamina B6, zinco, rame, ferro, magnesio e altro ancora.

Se questo non fosse abbastanza, sono anche alcuni dei migliori alimenti ad alto contenuto di folati. Guadagni 177 microgrammi di folato in una sola tazza di fave cotte. Il folato è utile per il metabolismo energetico, per il supporto del sistema nervoso e per la salute dei globuli rossi, e naturalmente per le future mamme.

E non è tutto. Alcuni studi mostrano un ridotto rischio di malattie cardiache, cancro e depressione per coloro che consumano cibi con tale densità di nutrienti come quelli che si trovano nelle fave.

 

Benefici delle fave

- Riduce il rischio di osteoporosi

Solo una tazza di fave contiene il 36% delle tue raccomandazioni giornaliere di manganese. Perché il manganese è importante? Fa un sacco di cose, ma le tue ossa lo adorano perché aiuta ad aumentare la massa ossea. Inoltre, aiuta a ridurre la carenza di calcio.

Con circa il 99 percento del nostro calcio immagazzinato nelle ossa e nei denti, questo rende il manganese una gemma per le ossa forti, che è efficace nella prevenzione dell'osteoporosi.

La National Library of Medicine degli Stati Uniti suggerisce che consumare forme di manganese insieme a calcio, zinco e rame può aiutare a ridurre la perdita di spina dorsale nelle donne anziane.

- Possono eliminare l'ipertensione e ridurre il rischio di malattie cardiache

L'ipertensione è un importante fattore di rischio per malattie cardiache e ictus. Gli studi dimostrano che il magnesio può abbassare la pressione sanguigna, e le fave sono ricche di magnesio.

- Supportano un sistema immunitario forte

Le fave contengono una buona quantità di rame, che aiuta a mantenere i globuli sani. I globuli bianchi sono importanti perché distruggono i patogeni che causano malattie, aiutando infine a eliminare i radicali liberi presenti nel corpo.

Il rame ha un ruolo nel garantire che questi globuli bianchi funzionino correttamente, ma il corpo non ne può produrre abbastanza da solo. Pertanto, l'integrazione con alimenti, come le fave, può aiutare.

Questa capacità di combattere i danni dei radicali liberi è stata dimostrata in molti studi: la ricerca, pubblicata su Environmental Health and Preventive Medicine, ha dimostrato che gli estratti metanolici di fave aiutano le capacità antiossidanti con l'invecchiamento delle persone.

- Forniscono energia

Le fave forniscono molta energia a causa del ferro che contengono. Ecco come funziona: il ferro è necessario per produrre l'emoglobina, che trasporta l'ossigeno in tutto il corpo e alle tue cellule. Se sei a corto di ferro, questa sarà una sfida e può farti sentire stanco e pigro. L'anemia può essere il risultato.

Mangiare legumi ricchi di ferro potrebbe eliminare la stanchezza e, in definitiva, i sintomi anemici.

- Possono migliorare la funzione motoria

Alcuni studi suggeriscono che le fave possono aiutare a controllare i sintomi della malattia di Parkinson. La ricerca pubblicata sul Journal of Clinical & Diagnostic Research si è concentrata su fave fresche con guscio esterno, fave disciolte in alcool e acqua e fave germogliate essiccate.

A causa dell'aumento dei livelli di L-dopa e C-dopa nel sangue dalle fave, è stato notato un marcato miglioramento delle prestazioni motorie dei pazienti con malattia di Parkinson senza effetti collaterali.

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi