Italiano Italiano English English Français Français Español Español Pусский Pусский

Hotel Ristorante Villa Icidia

info@villaicidia.it - www.villaicidia.it
MENU

Fuori menu di marzo - Tagliolini Punte Asparagi e Bresaola

Immagine Fuori menu di marzo - Tagliolini Punte Asparagi e Bresaola
Valuta questo articolo

Per tutto il mese di marzo 2019, i migliori asparagi dei Castelli Romani li potrai trovare sulla nostra tavola!

Rinnoviamo dunque l'appuntamento con il nostro fuori-menu di stagione con un primo piatto che saluta l'inverno e introduce i sapori e i profumi della primavera:

 

 

Marzo... tempo di asparagi!

Per i Greci avevano proprietà afrodisiache, per i romani erano un potente anti-concezionale (se nascosti sotto le vesti), oggi invece sappiamo che oltre a esser ricchi di fibre, sali minerali, vitamina C, favoriscono la diuresi e sono soprattutto buonissimi: parliamo ovviamente degli asparagi (dal greco aspharagos, che è dal persiano asparag, ossia germoglio). L'asparago è una specie dioica che porta cioè fiori maschili e femminili su piante diverse: i frutti (prodotti dalle piante femminili) sono piccole bacche rosse contenenti semi neri. La pianta è dotata di rizomi, fusti modificati che crescono sotto terra formando un reticolo; da essi si dipartono i turioni, ovvero la parte epigea e commestibile della pianta.
Diversamente da molte verdure, dove i germogli più piccoli e fini sono anche più teneri, gli steli più grossi dell'asparago hanno una maggiore polpa rispetto allo spessore della pelle, risultando quindi più teneri.
Gli asparagi contengono saponine, polifefonoli e una buona quota di minerali, in particolare potassio, grazie al quale sono ottimi alleati del cuore e dei muscoli in generale. A Schrobenhausen, nelle vicinanze di Monaco di Baviera, esiste il museo europeo degli asparagi! Inaugurato nel 1985, questo singolare museo, come dice il nome stesso, è tutto dedicato al mondo degli asparagi e, visitandolo, si potrà imparare veramente tutto su questi ortaggi.

L’asparago accompagna bene ogni genere di piatto, dagli antipasti ai contorni (una frittata o un tortino con ricotta), fino ai primi piatti (con riso e pasta). Una buona idea? Servirlo all’inizio del pasto accompagnato da crostini e una salsa di vinaigrette.

Mentre per zuppe o risotti la varietà bianca è ottimale, le frittate si sposano al meglio con gli asparagi selvatici raccolti nei boschi (possiamo passarli prima alcuni minuti in padella per attenuare il caratteristico sapore molto forte).

E ricordiamo che non esistono asparagi a lunga conservazione: l’ideale è consumarli freschi, altrimenti sono da tenere due giorni al massimo in frigo.

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi