Italiano Italiano English English Français Français Español Español Pусский Pусский

Hotel Ristorante Villa Icidia

info@villaicidia.it - www.villaicidia.it
MENU

Bruschetta - sagra, segreti e storia

Immagine Bruschetta - sagra, segreti e storia
Valuta questo articolo

Dall'8 al 15 agosto, a Roccapriora, si terrà la sagra dedicata all'antipasto 'per definizione' della cucina italiana: la bruschetta. Proprio in occasione della festa roccapriorese approfittiamo per parlare un po' della bruschetta: le origini, le trasformazioni e i segreti per prepararla al meglio.

La bruschetta è un piatto contadino diffuso in tutta Italia, nato dalla necessità che gli agricoltori avevano di conservare il pane. È oggi servito per lo più come veloce antipasto. L'etimologia del termine risale all'aggettivo romanesco brusco, con significato di abbrustolito ed è preparata con una fetta di pane abbrustolito condito con olio e sale e strofinato con aglio crudo

Per preparare una vera bruschetta è obbligatorio scegliere il pane: quello casereccio è il migliore perché ha una mollica compatta che resta croccante pur assorbendo bene i condimenti.
Diffidate da ogni altra tipologia di pane perchè non diventerà una vera bruschetta una volta abbrustolito.
La cottura deve lasciare il pane caldo e croccante. Potete abbrustolirlo al forno, in una padella antiaderente o sulla piastra, o per una cottura perfetta, sulla griglia ben calda.
Basta tagliare le fette abbastanza spesse e poi cuocerle due minuti per lato finché diventano dorate esternamente e morbide nel cuore.

Ricorda che il segreto della bruschetta perfetta è la temperatura: il pane va cotto, condito e consumato subito, altrimenti il condimento penetra troppo all’interno della mollica facendola diventare umida e molle.
La fase del condimento inizia con lo strofinare con uno spicchio di aglio sulla fetta di pane bruscato, per proseguire con l'aggiunta di olio e sale.
Se volete aggiungere altri ingredienti vi consigliamo la classica fetta di pomodoro fresco (San Marzano o cuore di bue tra i migliori) con qualche fogliolina di basilico.

 

Bruschette d'Italia...

Nella cucina napoletana la bruschetta la bruschetta era uno spuntino per gli agricoltori campani che durante le pause condivano queste fette di pane abbrustolite con i pomodori appena raccolti. Diventato poi un antipasto, conobbe la sua prima versione condita con olio, aglio e pomodoro talvolta anche origano.
In Toscana il nome "bruschetta" deriva da "brusca" o "brusta" con il quale si identificava, fino al dopoguerra, il carbone di legna fine fatto per accendere i focolari nelle case. La brusca veniva preparata dai carbonai della Maremma Toscana e Laziale e venduta porta a porta. Nella zona della Maremma e sud della Toscana la bruschetta è un piatto antico che viene preparato con pane casereccio fatto rigorosamente senza sale e che per questo si conserva più a lungo e può essere tostato più facilmente creando una crosta esterna croccante e mantenendo un cuore morbido. In provincia di Firenze viene chiamata fettunta, in altri luoghi panunto. Quando il pane è caldo e croccante si strofina uno spicchio d'aglio sulla superficie e quindi si condisce con olio extra vergine di oliva, sale e pepe.

Famosa per i suoi prodotti tipici da forno (pane, biscotti, frise, ...) la Puglia vanta una tradizione secolare sulla bruschetta. Alimento veloce e tipico della tradizione contadina pugliese, era preparato abbrustolendo delle fette di pane locale sulle braci sempre accese dei camini domestici e condito con olio di produzione locale, ottenuto esclusivamente da olive molite a freddo attraverso processi meccanici, e con pomodori, coltura tipica principalmente della provincia brindisina. Nel corso del tempo questa pietanza, come nel resto dell'Italia, è diventata una portata frugale degli antipasti tipici, aggiornando i condimenti a seconda dei gusti del consumatore e dei prodotti tipici del luogo in cui viene preparata.

 

Per maggiori informazioni sulla sagra della bruschetta - https://www.facebook.com/comunediRoccaPriora/

Commenti

Per poter commentare occorre registrarsi

Registrati ora Sei già registrato? Accedi